La diversità della manifestazione di domani, contrariamente a quanto afferma Belpietro

Pubblicato: 4 dicembre 2009 in Attualità, Riflessioni personali
Tag:

Oramai è questione di ore. La manifestazione “Nob-day”, o come si scrive, inizierà tra poche ore. E si terrà a Roma, a piazza San Giovanni, al posto dell vecchia piazza della Repubblica. La causa è il massiccio numero di adesioni alla manifestazione.

Ma, c’è da chiedersi, è una normale manifestazione? Mah, a me sembra di no. Belpietro invece pensa che sia una come tante. Infatti tutte hanno lo stesso obiettivo di cacciare Berlusconi. Pure quella per la libertà di stampa, tenutasi sempre a Roma, pure quella del 17 novembre contro la riforma Gelimini. Tutte per cacciare contro Berlusconi. Ma lui assicura che governerà fino alla fine dle suo mandato. Sempre, per la stessa storia. Lui ha avuto i voti dal popolo. Ma questo è falso. Visto il modo con cui esprimiamo il nostro voto. Ma questa è un’altra storia.

La manifestazione di domani non sarà come le altre passate. Anzitutto, non c’è dietro alcun partito. Nonostante ci sia un’adesione piuttosto controversa dei partiti alla manifestazione, nessun partito ha organizzato la stessa. E contrariamente a quanto diceva Feltri nel suo “Giornale”, Di Pietro non è l’organizzatore. Ma il suo partito sarà presente e ha contribuito a pagare il palco di Piazza San Giovanni. Così come i vari partitini comunisti che hanno organizzato pullman e saranno presenti là, ma non risultano essere gli organizzatori della manfestazione. Belpietro, duqne, ha torto. Non è una manifestazione come le altre. Quella contro la Gelmini fu organizzata da associazioni studeteche, stance di ricevere soprusi  vedere infranti i sogni di chi rappresentano. Quella sulla libertà di stampa, che portò Minizolini a fare il famoso editoriale, proclamando a gran voce l’assurdità della mnifestazione, nacque, non perchè il premier chiese un risarcimento milionario a Repubblica e l’Unità, ma perchè la libertà di stampa era seriamente in pericolo e ne intervenne il sindacato dei giornalisti ad affermare ciò.

La manifestazione di domani risulta particolarmente diferente dalle precedenti. Organizzata direttamente sulla rete, un pò come Grillo, ma profondamente diversa. Organizzata da giovani animati da un malcontento scaturito e sviluppatosi nel suo picco il giorno dopo la sentenza della Corte Costituzionale dopo la bocciatura del Lodo Alfano.
E  non è contro Berlusconi.

È contro tutto il sistema di cui Berlusconi fa parte. Stolto è colui che partecipa alla manifestazione credendo che Berlusconi sia l’unico problema. Egli è solo l’emblema del degrado morale che la politica italiana ha raggiunto in quest’ultimo periodo. Caratterizzato da leggi molto particolari, da modifiche delle pene dei reati (per dirla alla Ghedini) e da altri codicilli che non sto qui a ricordare.

L’ultimo dialogo fuorionda del Pd ne è un esmpio. È anche contro loro la manifestazione. Affinchè si dimettano anche loro. Incompetenti, indagati, e vecchi per questa Italia che ha bisogno di giovani.

Tutto fermo che, chi rimane a casa senza un valido motivo è loro complice.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...