Omaggio a Darwin

Pubblicato: 7 dicembre 2009 in Articoli Ventonuovo.eu, Riflessioni personali
Tag:

Son passati 200 anni dalla nascita di Darwin. Uno che ha dato decisamente una scossa nuova, rivoluzionaria al modo di pensare. Prima c’era Aristotele. Poi la Chiesa. E poi lui. Un’ondata dirompente, che spazza quasi tutto quello che c’è prima.

“L’origine della specie”, il suo capolavoro,  nonché l’emblema della sua teoria, è l’opera che ricordiamo con assoluta facilità. Ma prima di intraprendere qualsiasi riflessione, proviamo a sfatare qualche mito.

Darwin parla di evoluzione. E bisogna sottolineare che il termine precedente non è sinonimo di “progresso”. Infatti il termine progresso non compare una volta nell’opera Darwiniana. È il nostro senso comune che ci fa accostare il termine “evoluzione” a “progresso”. Ma la differenza che intercorre tra i due termini, linguisticamente parlando, è visibile. Per evoluzione si intende una trasformazione. Per progresso una trasformazione in uno stato migliore del precedente. Quindi, non è vero che l’essere successivo della scala evoluzionistica è migliore del precedente. Ma è semplicemente differente.
Il progresso, dunque, è un’idea sociale, non naturale. E Darwin era un biologo. Non un sociologo.

Lo stadio umano, alla luce di quanto detto, potrebbe non essere l’ultimo. Quando penso a Darwin, penso alla catena evoluzionistica che inizia con una scimmia e trova la fine nell’uomo alto, bianco, occidentale. Perché fino ad adesso non c’è uno stadio successivo all’uomo. Il motivo per il quale si ha quest’evoluzione, però, al contrario di qualsiasi forma di progetto, dall’alto o dal basso, è dettata dal caso, da una non-pianificazione a tavolino, da una possibilità scelta che prevale sulle altre. Ecco la rivoluzione del darwinismo. Un qualcosa non affidata alla relazione causa-conseguenza, in cui è possibile individuare sempre un filo logico, ma un rapporto consequenziale che al momento sfugge. E questo occorre ribadirlo.
Ecco dunque, il contrasto con Aristotele per quanto riguarda, per esempio, il motore immobile; o il creazionismo della Chiesa.

Ci si potrebbe chiedere allora, cosa ha di “sociale” la teoria darwinista. La risposta, non banale, è semplicemente nulla.

Proviamo a spiegare perché facendo degli esempi.

Il marxismo crede di prender spunto dalla teoria dell’evoluzione. Falso. In quanto, mentre il marxismo parla di progresso, dovuto alla nascita di un sentimento di fratellanza ed eguaglianza portato agli estremi, il darwinismo non cita nemmeno per sogno la parola progresso. Ribadendo che non è detto che uno stato successivo di qualcosa sia migliore del precedente.

Nietzsche afferma l’ “oltre – uomo”, uno stadio successivo all’uomo. Il terzo tipo di evoluzione. Dopo la scimmia l’uomo, e poi la creatura in Nietzsche dice di credere. La teoria evoluzionistica non dice nulla di tutto ciò. Non prevede, né fa ipotesi su un qualcosa oltre l’uomo come lo conosciamo adesso. Semplicemente non si esprime.

Spesso si sente che anche il nazismo prenda qualche linea-giuda dal darwinismo. Hitler credeva che prima di tutto, i malati psichiatrici, omosessuali fossero da eliminare affinché la futura società tedesca fosse perfetta. E spendesse meno denaro per curare queste malattie. Da investire, come si è visto, nella guerra, nella ricerca, secondo criteri molto discutibili. Ma Darwin non propone di uccidere nessuno. Né tantomeno di sterminare alcun popolo. Al contrario egli propone di curare i problemi, piuttosto che brutalmente estirparli.

Con questi tre esempi, pertanto, ho semplicemente voluto chiarire, che tutte queste teorie, discutibili quanto si vuole non hanno nulla a che vedere con la teoria dell’evoluzione. Un semplice omaggio a Darwin.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...