L’ultima scommessa del 2009

Pubblicato: 30 dicembre 2009 in Attualità

Leggere il quotidiano oggi è stato quasi un “suicidio”. Ci sono così tante notizie da raccontare e commentare, che quasi ci si dispiace se non se ne tratta una.

Il quotidiano di Feltri e l’inno alla cacciata degli immigrati con la descrizione della Lega Santa, l’attuale Lega Nord; l’inchiesta su CL portata avanti da “Il Fatto” di Padellaro; la questione di Craxi, al quale la Moratti vuole intitolare una strada; Previti finalmente libero, ma impossibilitato a rientrare in politica; don Verzè e il Sismi deviato di Pompa e Pollari, protetti dall’attuale presidente del Consiglio. Questi solo alcuni degli argomenti succulenti su cui occorrerebbe discutere e riflettere.

Ma ciò non è possibile. E allora, da buon pugliese, vediamo un attimo come si è evoluta rispetto a ieri la questione delle candidature in Puglia. Eravamo rimasti ad un Emiliano quasi snobbato dal suo partito, a Blasi e alla sua patetica versione ufficiale e alla poca democraticità del Pd.
Adesso si è fatto un passettino avanti. Le primarie. Emiliano e Vendola i due contendenti. Mentre l’Udc -il cui leader solidarizza con Blasi per la versione ufficiale dei “criptofascisti”- e l’Idv non riescono ancora a capire con chi schierarsi, in Puglia si verifica, come al solito nell’Italia tutta, un terremoto politico. Accuse che piovono da sinistra e destra, gente che non si interessa delle situazioni pensando solo ai pettegolezzi dell’uno e dell’altro. E politici che si proteggono a vicenda non conoscendo la verità.

Quindi, ricapitolando: Emiliano tittubante fino a poco fa decide di provare a candidarsi. L’assemblea dei suoi colleghi lo fa fuori, o meglio, secondo Blasi, le contestazioni di qualche ragazzotto lo fanno fuori. Poi Emiliano, nella quarta conferenza stampa di ieri afferma di voler andare alle primarie. Sembra di stare su una piccola altalena. Mossa dallo stesso Emiliano. Piccolo dettaglio, altro che trascurabile. Emiliano, al momento non è eleggibile a governatore pugliese, perchè è attualmente sindaco. Allora propone a Vendola una picclo suggerimento: piccola legge ad-personam affinche le dimissioni non siano una condizione necessaria per l’elezioni a governatore. Ma Vendola afferma, con assoluta onestà, di non poter influenzare il Consiglio regionale su una legge del genere.

Staremo a vedere. Ma sicure i fatti sono due. Prevedo ulteriori evoluzioni e un consolidamento di un caos politico-mediatico enorme. Staremo proprio a vedere. Questa la mia scommessa di fine 2009. Fate la vostra offerta.

Aggiornamento: Emiliano rinuncia alle primarie. Ma afferma: “Non è una rinuncia” “apparentemente a correre per le regionali di marzo (bari.repubblica.it)”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...