Uno sguardo alle comunali di Andria

Pubblicato: 18 gennaio 2010 in Attualità

Si avvicinano le elezioni. Regionali e comunali. Non dappertutto si intende.

Nella seconda parte della neonata BAT, sigla di provincia che indica l’insieme di Barletta-Andria-Trani, ci sono le elezioni comunali.
Le quali riflettono un pò il panorama nazionale della politica.

Per il centro-sinistra ci sono tre possibili candidati; pertanto si procederà con le primarie affinchè solo uno dei tre possa lottare per la coalizione di centrosinistra. Per il centrodestra, c’è solo un candidato che sembra essere deciso a divenire sindaco di Andria. Poi per quella parte politica fuori dal centrosinistra e centrodestra, ci sono gli Amici di Beppe Grillo, con il loro candidato.

Per il centro sinistra coloro i quali si affronteranno alle primarie “saranno Nunzio Liso del Partito Democratico, l’ex senatore Franco Piccolo di Sinistra Attiva e l’assessore alle politiche sociali Emanuele Sgarra di Sinistra Ecologia e Libertà (andrialive.it)”. Qualcuno già considera Piccolo il candidato più progressista che il centro sinistra possa avere ad Andria. Fatto sta, che, al momento, sul web, e quindi alla portata di tutti, non è disponibile alcun programma anche indicativo sulle promesse elettorali che i probabili canditati della colaizione di centrosinistra intendono fare.

Per il centrodestra si è avuta una compattazione. Tutti stretti attorno all’avvocato Giorgino. Il quale, snobbato dall’Udc alle ultime amministrative, si è ritrovato vicesegretario dell’ennesimo partito italiano di centro. Perchè l’altalena Udc non bastava; il partito di Rutelli/Tabacci nemmeno. E allora se ne crea un altro. Perchè “l’Udc vuole solo avvelenare il clima politico”, parole stesse di Giorgino riferendosi alla frangia del consiglio comunale. E allora, vista la scissione con l’Udc di Casini, ci si riavvicina a Silvio, il quale, tra l’altro, era un intimo amico di Casini. Il trio Casini-Fini-Berlusconi, tutti lo ricordiamo. Se da un lato c’è una scissione dall’Udc, dall’altro c’è la ripresa di qualche valore e comportamento. Ma occorre notare che anche per Giorgino, al quale non piace “il cambio di casacca” come riferito in un intervista riguardo le dimissioni della Chiarello (per info, qui) si è comportato da voltagabbana. Ma questo non interessa quasi a nessuno. Per il programma anche per lui, sarà per mia ignoranza, ma non riesco a trovare alcun punto cruciale della sua campagna elettorale, se non semplici manifesti e un “caffè” organizzato con il ministro Meloni.

E poi c’è il candidato sindaco D’Ambrosio. Il quale, appartenendo al movimento dei grillini, amici di Grillo, ha deciso di non accettare finanziamenti pubblici. Solo da acluni “aderenti e simpatizzanti che partecipano alla vita della Lista e alle sue riunioni settimanali” e assicura che tra questi “non ci sono certamente i ricchi imprenditori amici della “politica andriese che conta (D’Ambrosio)””. Insomma, non nascondo di essere un pò scettico su questa presa di posizione di D’Ambrosio. Finanziamenti a parte, il programma di D’Ambrosio, che riprende il programma generale del Movimento cinque stelle di Grillo, è abbastanza chiaro. Soluzioni e promesse impiantate su sicurezza e innovazione tecnologica. Insomma, ottimi obiettivi.

Insomma, la partita è aperta. Staremo proprio a vedere come andrà a finire.
Come al solito, i propositi di tutti sembrano buoni. Staremo poi a vedere chi la spunterà e chi avrà preso solo in giro i propri elettori.

Pregherei, dunque, qualora ci fossero errori di qualsiasi genere, di segnalarli mediante semplici commenti.

Aggiornamento ore 19.01 del 19/01/2010

Come mi suggeriscono nei commenti, dimentico “Porziotta candidato per l’UdC e l’Alternativa e la Bruno candidata per Andria3.
A proposito del nuovo movimento rutelliano (ex margherita, ex pd), gli esponenti andriesi con la lista “alleanza per Andria” appoggiano la candidatura di Giorgino (altri voltagabbana).”
Per il programma del candidato per il centrosinistra, aspetteremo il risultato.

La parte riguardo il candidato D’Ambrosio è stata modificata per aver male interpretato il termine sponsor, che nel’attuale società, indica un implicito scambio di favori. Mi scuso per l’errore.

Annunci
commenti
  1. andriacomunista ha detto:

    dimentichi Porziotta candidato per l’UdC e l’Alternativa e la Bruno candidata per Andria3.
    a proposito del nuovo movimento rutelliano (ex margherita, ex pd), gli esponenti andriesi con la lista “alleanza per Andria” appoggiano la candidatura di Giorgino (altri voltagabbana).

    per quanto riguarda la coalizione di centrosinistra il vincitore delle primarie avrà un suo programma che nasce cmq sullo scheletro di quello della coalizione che è già esistente ed è stato sottoscritto dai partiti della coalizione e soprattutto dai candidati alle primarie

  2. […] Uno sguardo alle comunali di Andria January 20102 comments 4 […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...