Poi chiamano l’Italia il “Bel Paese”. Dei condannati magari

Pubblicato: 1 marzo 2010 in Attualità, Riflessioni personali

Uno pensa che l’università è abbastanza disastrata, con i tagli, le riforme dei ministri Gelmini e Tremonti, con il fenomento chiamato “Parentopoli”, con professori presi più dai loro impegni che dagli studenti, con politiche tese sempre meno a favoreggiare chi è meritevole ma non ha mezzi sufficienti (giusto per ricordare la Costituzione, che, anche se “sovietica”, piace a molti) ma coloro i quali hanno il giusto denaro.
Poi invece, si viene a scoprire che Corona, tiene una lezione alla scuola di giornalismo dell’Università di Salerno, nell’ambito di Diritto dell’informazione e della comunicazione.

Per la cronaca, stiamo parlando non di un qualunque tizio che si chiama Corona, ma di Fabrizio. Di colui che è stato condannato nel processo Vallettopoli a tre anni e otto mesi di reclusione; di colui il quale ha fondato il suo lavoro su fotoricatti ad illustri personaggi dello spettacolo e non, riuscendo ad avere in cambio un buon gruzzoletto; di colui il quale ha pronunciato la frase “Mi vergogno di essere italiano”; di colui che ha fatto anche delle sue foto in Tribunale, un business. Insomma, una persona con i fiocchi. Sarebbe stato meglio e preferibile invitare Corona ad una tavola rotonda sul gossip, sulla tecnica di fotografare senza farsi notare, chiedendo poi un misero riscatto per far scomparire le foto (qui).

Probabilmente l’incarnazione veritiera dell’italiano medio. Di colui che spara a 0 quando viene beccato a commettere degli illeciti, ma che non se ne vergonga. Colui che affronta la sofferenza (?) del carcere pronunciado parole non certo degne di lode, colui che cerca di rimanere impassibile mostrando il suo lato più duro alla società, che in fondo in fondo, lo appoggia. Perchè questo si sente in giro. Quasi un mito è diventato Corona. La binacheria firmata e prodotta da lui risulta essere per alcuni motivo di merito e di ammirazione da parte di altri.

Poi chiamano l’Italia il “Bel Paese”. Dei condannati magari.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...