Oggi ha vinto l’Italia

Pubblicato: 24 maggio 2010 in Attualità, Riflessioni personali

Mi sembra doveroso, prima di tutto, rendere omaggio a Vittorio Feltri.
Non mi sarei aspettato che il più acerrrimo nemico di un certo tipo di opposizione, assiduo consigliere del premier in carica, picchiatore di fiducia quando serve, provasse quasi sgomento nei confronti di questo ddl intercettazioni in esame al Senato.
Non credevo che un testo del genere potesse addirittura rappresentare uno scoglio per Feltri, che si vedrebbe privato di una parte dei suoi diritti in quanto giornalista ma lo renderebbe più forte da un punto di vista della sua “campagna politica”, riuscendo a nascondere, autorizzato da una legge infame, verità e indagini.
D’altro canto non potrebbe nemmeno attaccare l’attuale centrosinistra, politici
dell’ “opposizione” alle prese anche loro con la famosa cricca di Anemone, tanto per fare un esempio.

Parentesi “feltriana” a parte, la manovra del governo riguardo la crisi è eccezionale.
Far parte di una comunità internazionale come l’Unione Europea, porta con sè benefici e responsabilità. La richiesta esplicita ai Paesi membri di regolare i conti pubblici per ridurre il rapporto “deficit/pil” di almeno il 3% in due anni, è stata recepita alla grande, anche in virtù del fatto che nessun altro Paese ha intenzione di finire sul lastrico mancato come la Grecia.
Il recepimento della richiesta europea da parte dell’Italia è particolare: manovra da 24 mld di euro, 6 volte superiore al neogoverno inglese, nonostante le fantastiche dichiarazioni di un premier ed un ministro dell’economia che millantavano che il peggio era alle spalle.
Però, c’è del buono in tutto questo. Non certo secondo me, ma secondo i promotori che promettono “no tagli all’Università e alla Polizia”.
In un Paese in cui l’Università è sul lastrico e la Polizia non ha i soldi per il carburante, sarebbe stato paradossale se il governo avesse tagliato ancora di più i fondi.

Insomma, tra Feltri e governo, oggi ha vinto l’Italia tutta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...